domenica 12 ottobre 2008

Meolo Libera, Indipendente, Veneta

Ricevo e pubblico...
Meolo Libera, Indipendente, Veneta” sarà la grande novità della prossima stagione politica che dal comune veneziano inizierà quindi nel nome dell’indipendenza del Veneto, aprendo una nuova determinante fase nella politica veneta.
Il primo scopo di un sindaco indipendentista sarà di servire i propri cittadini per le necessità di politica locale. L’incarico del primo cittadino di Meolo con la Causa Veneta nel cuore sarà anche di portare avanti progetti per la tutela della nostra cultura e della nostra storia.
Il simbolo che sarà utilizzato dalla lista “Meolo Libera, Indipendente, Veneta” riporta al centro la foglia di tiglio, l’albero sacro ai Veneti fin dall’antichità, da più di tremila anni a questa parte.
Sta per soffiare un vento nuovo, che si chiama orgoglio veneto.
L’orgoglio di essere parte del Popolo Veneto è in grande crescita e sta facendo rifiorire il nostro albero millenario.
Meolo è il primo germoglio e molti altri ne seguiranno.

1 commento:

Gennaro ha detto...

Non sono veneto e poco mi interessa del recupero della identità veneta. Ciò detto sono stupito per come da diversi anni a questa parte mi capiti di sentire dei veneti,con un cognome particolarmente significativo della loro regione, spostare l'accento che cadrebbe sull'ultima vocale,presentandosi "all'inglese".
Così Furlàn diventa Furlan e Masteghìn diventa Masteghin mentre Fusàr diventa Fusar. Evidentemente ci si vergogna della propria identità. Il massimo lo raggiunge l'imprenditrice Marina Salamòn che nulla obietta ad essere chiamata SALOMON ( così sembra un cognome inglese). L'identità selettiva fa un pò ridere