giovedì 20 novembre 2008

CDS+LEGA+MPA+PdSUD= CDS con MPA,PdSud con LEGA...FINALMENTE!




Ho ricevuto questa "Comunicazione ufficiale", a firma del Vice-Presidente nazionale dei CDS-Comitati Due Sicilie,che annuncia che ...
========================
"Cari compatrioti,
Sono lieto di informarvi che la spedizione dei CDS a Roma, ha avuto gli esiti sperati.
Il nostro segretario Fiore Marro, che a nome di tutti i Comitati delle Due Sicilie, dagli Abruzzi alla Sicilia e di quelli all'estero, si è presentato presso la sede nazionale MPA, è riuscito ad ottenere un ricco bottino e degli ottimi accordi per sviluppi futuri.
In particolare Fiore Marro è stato nominato capo-gruppo del costituendo gruppo misto composto da diversi deputati meridionali che si chiamerà "Comitato delle Due Sicilie Montecitorio" sotto il patrocinio MPA.
I Comitati Due Sicilie avranno una loro sede permanente a Montecitorio e monitoreranno tutte le proposte e le leggi che riguardano il Sud.
Il nostro sodalizio è stato peraltro invitato ufficialmente a partecipare come relatori al 1° Congresso Nazionale del MPA che si terrà a Roma il 12,13 e 14 dicembre prossimo.
Tra gli accordi messi in cantiere, una sede nazionale offerta dal MPA PROVINCIALE DI CASERTA, che utilizzeremo come sede nazionale, inoltre un esponente dei CDS sarà presente in tutti gli esecutivi MPA delle regioni d'Italia, in altre parole dove sarà presente un Comitato Locale: per queste ultime due proposte ci è stato richiesto di sviluppare ulteriormente il nostro movimento fino al numero di almeno 1000 iscritti.
Nella prossima tornata elettorale della Regione Abruzzo, un esponente dei CDS, il dott. Cristiano Vignali sarà candidato nella lista dell’Mpa abruzzese come primo banco sinergico tra il nostro sodalizio ed il Movimento per le Autonomie.
Per ottenere ciò è necessario sfruttare al massimo la visibilità che l'MPA ci sta mettendo a disposizione, la prima prova sarà la GRANDE MANIFESTAZIONE che abbiamo organizzato a Caserta per il 23 NOVEMBRE, contro il DEGRADO più assoluto che imperversa all'interno ed all'esterno della REGGIA DI CASERTA.
Durante la manifestazione saranno presenti molti esponenti del partito di Lombardo tra cui il deputato IANNACONE del MPA, invitato per l'occasione.
Diamo dimostrazione di cosa e chi siamo!
Portatevi le bandiere delle Due Sicilie.
VIVA LE DUE SICILIE
Davide Cristaldi
Vice-presidente nazionale
Comitati Due Sicilie"
*******************
Ecco! Abbiamo letto assieme cosa annuncia Cristaldi...Finalmente,i CDS si sono ritrovati nella "CASA COMUNE" con il MPA...AFFARI LORO! A casa propria ognuno può fare quello che vuole!
Come del resto il PdSud-Partito del Sud si sta accasando con la Lega Nord-Alleanza Federalista...Anche il PdSud faccia quello che vuole!
Mpa e Lega, che molti "da quelle parti" vedevano come il fumo negli occhi,in occasione delle prossime elezioni regionali ed europee,saranno loro alleati. Ben vengano queste alleanze! Finalmente,avremo più tempo per confrontarci con le nostre (vere) esigenze identitarie e non togliere tempo ed energie preziose alla costruzione dell'area nazionalitaria siciliana. FINALMENTE!
Orazio Vasta
**************
Per ulteriori notizie:

3 commenti:

Laurentius ha detto...

D'accordissimo con te. Via tutti dalle balle, e costruiamo NOI la nostra NAZIONE SICILIANA, senza aiuti da parte della partitocrazia massonico-mafiosa italiana!

SICILIA NAZIONE!

retesud ha detto...

Carissimo Orazio, sai benissimo che le somme, in politica, spesso possono dare risultati sbagliati o non dare affatto un risultato. Vedi, per esempio, il recente caso Villari della Commissione Rai. E' necessario sempre fare la prova del nove prima di affermare che un risultato è quello giusto. Questa volta la prova non l'hai fatta (non so e non voglio sapere il motivo della tua posizione critica anche nei confronti del Pdsud). Ti posso assicurare solo che al momento non esistono accasamenti del Pdsud con nessuno. Sai benissimo che la politica è ANCHE discussione, strategia e tattica. Questi passaggi sono obbligatori specie quando non si hanno padrini e padroni. Noi non ci siamo presentati, come hanno fatto altri, a casa di nessuno e non abbiamo chiesto nulla a nessuno tanto meno poltrocine di quart'ordine per assistere dal loggione alle altrui sceneggiate.
La questione Alleanza Federale è ancora aperta e, prima che si chiuda, sarà deliberata e vagliata dal Consiglio Nazionale del Pdsud che è aperto a chiunque, anche al di fuori del partito, voglia dare il proprio contributo alla discussione. A proposito del nostro partito che, forse non lo sai, non ha tessere, a chi mi chiede quanti iscritti ci sono gli rispondo: oltre ventimilioni. E, alla successiva richiesta di precisazione per quella cifra spropositata dichiarata, aggiungo: sono tanti perché, per noi, tutti coloro che sono nati nel Sud appartengono di diritto al nostro Partito, anche senza saperlo. Anche se ci osteggiano. Chi non ne vuole fare parte è sufficiente che dichiari (anche solo apertis verbis) di non sentirsi “meridionale” (in quanto, purtroppo per tutti – loro e noi - questi miserabili, anagraficamente, meridionali lo devono essere per forza).
Per i problemi del Sud e della Sicilia non esistono bacchette magiche e maghi totipotenti. E men che mai hanno dimostrato di funzionare posizioni oltranziste che, alla fine, vanno a cozzare contro realtà incancrenite di una società civile che sguazza e che pare convivere benissimo con i vecchi e nuovi padrini della politica. Per quei problemi c'è bisogno solo di buona volontà, onesta d'intenti, chiarezza operativa ed un minimo di tattica che è il sale che bisogna aggiungere all'acqua di cottura se si vuole cuocere la pasta a puntino. E a proposito di chiarezza operativa, il PdSud, a differenza dell'ipocrisia altrui ammantata di finta pelle culturale, dal momento della costituzione ha dichiarato di volere fare anche politica ovviamente esclusivamente e “talebanamente” meridionalistica. Per cui chi ha svolto attività sotto la falsa copertura culturale, alla fine, sta svelando il vero volto che si palesa a tutti gli effetti come un partito…Partito male perché ha usato la buona fede dei tanti che hanno espresso chiaramente la propria volontà di non volere fare politica e, invece, si sono ritrovati, adesso, a dover attaccare i manifesti per gente senza scrupoli che usa il nome Sud come un vero e proprio preservativo. Ma sono fatti altrui che ci interessano solo come lezione di vita…politica e che, si badi bene, hanno “carica” negativa anche qualora dovessero dare frutti dal bell’aspetto e “attraenti” uguali alla mela perfetta di Biancaneve.
Per questo, senza voler interferire con le scelte che fai sul tuo blog, se mi consenti chiudere con una battuta, non scrivere come dice Totò nel film Totò, Fabrizi ed i giovani d'oggi: Ragioniere, è la somma che fa il totale!. Perché, per uno dei due conti (quello relativo al PdSud naturalmente), per dirla in termini matematici, si ottiene una somma vuota (che si ha quando in una addizione non ci sono addendi). Praticamente, come dice Verga nel Mastro Don Gesualdo, “il pesco non s’innesta sull’ulivo”.
Siamo tutti siciliani! Antudo!
Un abbraccio
Francesco Laricchia
Coordinatore Organizzativo Nazionale del PdSud

Anonimo ha detto...

Caro Orazio, a parte che non ho capito ( o forse sì, ma non posso essere d'accordo), perché ti ostini a parlare di sola Sicilia, anziché di Duesicilie con un più corretto riferimento al Regno fondato da Ruggero II, e, storicamente durato per più di 700 anni con tutti i successi realizzati... devo dirti che, a proposito di questo tuo ultimo appunto, ho delle grosse perplessità. E' da tempo che vado dicendo forse senza troppa visibilità, che semmai ottenessimo di diventare una macroregione, dovrebbero garantirci l'assoluta possibilità di legiferare autonomamente, scordandosi di poter inserire tra i nostri dirigenti persone bruciatesi con la vecchia classe politica italiana, che inficerebbero sempre, e inciucerebbero per impedire la nostra vera volontà di sviluppo ( ovvero quella che ho in testa io), mi chiedo, appunto, il perché alcuni movimenti meridionalisti cercano alleanze proprio con quello che io considero non gli avversari politici, ma il nemico: "La Lega Nord" o qualsivoglia altro politico che ha operato ed opera nei governi italici che non farebbe mai il nostro bene, secondo la nostra volontà... A me non interessa di ottenere un poco di visibilità come partito o movimento del Sud, per far vedere che esisto come persona e non come possibile entità realmente statuale, per il bene del nostro Territorio, e quindi del nostro Popolo! Perché le Duesicilie ( e non la sola Sicilia), ottengano la possibilità di trattare con quest'Italia da pari a pari, trattando dall'alto di una dignità statuale, con gli organismi internazionali, per decidere dei nostri destini! Insomma. di recente, ho intrapreso una campagna solitaria e aggressiva nei confronti del Governo italiano, per far capire che non é più ora di prenderci in giro con i contentini, ma che vogliamo tutto ciò che ci spetta per diritto divino ed ereditario...Insomma, caro Orazio, va bene lottare contro l'Italia, ma dover lottare anche contro alcuni intelligenti - possibili utili dirigenti, per tenere insieme nella lotta comune la Sicilia, proprio non mi va giù e non lo capisco.
Forse tu credi che per la Sicilia - da sola - sia più facile ogni inziativa, ma qui ti sbagli, perché per quanto la Sicilia abbia una lunga storia, essa non ha da sola quella dignità storica di Nazione che hanno - invece - le Due Sicilie che si pongono così unite, nei confronti degli Organismi internazionali, con tutta la forza e le motivazioni che le derivano dal prestigio di un Regno come quello delle Duesicilie, appunto! Per concludere, posso capire finalmente se almeno nei principi possiamo contare sul tuo appoggio propagandistico, per far capire che la Sicilia e le Duesicilie sono una cosa sola? Una volta che avremo ottenuto di vincere contro il comune "nemico", faremmo sempre in tempo ad operare dei distinguo. Prima, togliamoci di dosso L'oppressione italica, poi... Aspetto una tua risposta chiarificatrice, dacché ti ritengo un elemento politicamente utile per la comune causa! Con rinnovata stima.
Mario Moccia di Montemalo
www.mariomoccia.com