mercoledì 10 dicembre 2008

10 dicembre 1996:finiva di battere il cuore di Turi Lima...

CLICCA:
http://partitodelsud.blogspot.com/2008/12/turi-lima-muru-catania-lu-10-di.html "... Purtroppo, a 72 anni, il 10 dicembre 1996, dopo dieci giorni di atroci sofferenze, vissute con una dignità impressionante, Turi Lima finiva di vivere, lasciando a noi siciliani un grande patrimonio ideale per continuare l'opera di "limatura".
Ma, il patrimonio ideale lasciato da Turi Lima appartiene a tutti i Popoli in lotta per l'Indipendenza Nazionale, anche perchè, dai microfoni di Antenna Trinacria -chi scrive faceva parte dello staff della radio- aveva sostenuto la lotta dei Popoli oppressi, dai Palestinesi ai Kosovari".

Orazio Vasta
**************
QUANNU UN JORNU MI CERCHI
Supra lu me jardinu, figghiu,
ali d' ùmmira si stènnunu:
la sira va calannu.
Vutatu a lu livanti
vidu strati di ciuri e di ruvetti
e li me' carni viola;
arreri a mia
aceddi griggi, nfruscati
tra li cimi di l' àrvuli,
càntanu senza sosta
e lu suli acchiana e scinni !
Quannu un jornu mi cerchi
e non rispunnu
non scarpisari l'erba
ca supra di mia joca
ccu l' àlitu di lu ventu.
Di luntanu
mànnami un suspiru
fattu di silenziu:
lu celu di Sicilia
sarà li vrazza mei.

Turi Lima
*******************
"Il vero rivoluzionario" disse un giorno Lelio Basso, "non si arrende mai". E questa profonda verità è nell'essenza poetica di Turi Lima. Quando leggiamo, infatti, le sue composizioni con le tante metafore di neve, cielo e notti che accompagnano il suo canto politico-rivoluzionario, affiorano alla mente i nomi di Brecht, del Lorca di Mariana Pineda, di Pablo Neruda, così come sorge spontanea l'esigenza di collocarlo accanto ai grandi poeti dell' Africa Nera, della Palestina, di Haiti, del Madagascar, oppressi dal colonialismo europeo: a Léopold Sédar Senghor, a René Depestre, ad Aimé Césaire, a Jacques Rabemananjara, a Keita Fodeba, a Birago Diop, tutti esponenti della lotta di liberazione che sta alla base della stessa esigenza poetica e culturale di Turi Lima.
Sui banchi di scuola, decenni or sono, dalle scarse ammissioni dei libri di testo dei colonizzatori italiani, capimmo che già nel Duecento la Scuola Poetica Siciliana fu essenziale alla formazione della poesia toscana e bolognese di prima dello Stil Novo e che il poetare siciliano venne tenuto d'occhio e onorato dallo stesso Dante per limpido et ornato stile.
E fu così che nella ricerca sempre più ossessiva della nostra identità perduta con la tragedia del 1860, sulla scia di quella tradizione poetica di Ciullo d'Alcamo, dei Delle Colonne, di Jacopo da Lentini, scoprimmo i poeti altrettanto grandi che rispondono ai nomi di Asmundo, Rizzari, Veneziano, Meli, Scimonelli, Tempio, fino a che non approdammo a Pirandello, Cesareo, Di Giovanni, Quasimodo e al Buttitta, al Calì, al Camilleri, al Gagliano, al Certa e allo Scammacca dei nostri giorni.
Ciò che però fa emergere Turi Lima è il costante amore per l'Isola, la devozione alla causa del Popolo Siciliano e della Libertà Nazionale, il ruggente impeto civile che non si arrende mai di fronte alle orge e alle vessazioni del colonizzatore e dei suoi collaborazionisti indigeni (che sono anzi il suo bersaglio), la certezza di quella libertà che riacquisteremo.
E la sua poesia, si badi bene, non è una poesia della ideologia, ma poesia di tutti e per tutti e appartiene alla Weltliteratur per la maturità dello strumento linguistico e perchè è appunto la poesia del bardo che con la stessa passione di un Desmoulin e di un Büchner, con lo stesso lussureggiare lirico di immagini di un Lorca e con la stessa ferocia epigrafica di un Brecht, con la sua comunione umana e terrestre, nutrita dalla sua passione civile, ci ricorda il canto spiegato di un Walt Whitman e del Pablo Neruda del Leñador.
La poesia di Turi Lima rappresenta l'epos di un popolo che vuole liberarsi dalla sua condizione di colonizzato.
Catania / Comiso 01 agosto 1982
Natale Turco

(segretario politico del Movimento Popolare di Liberazione della Sicilia)
***************
E RESTU VIVU
Nascivi
comu nasci la zammara:
di la carni di sta terra
e dintra li me' vini
scùrrunu li ciumi di Sicilia.
Sbucciai buttuni di làcrimi
e pàmpini di suspiri
sutta li fàuci di lu me suli,
tistimoniu di lamenti senza fini.
Intra lu me cori criscìu
lu rancuri di sèculi d' ànsii,
nzirragghiati intra la mmorsa
di li tirannìi
e torciu lu coddu
a lu ventu di tramuntana.
Nascivi e sugnu carni di sta terra
e si moru non mori la me terra.
Ccu li so' granni vrazza - matri
simenza vita - idda
m' abbrazza
e ju diventu terra
e dugnu acqua a li ciumi
e linfa a la sipala
e civu a l' aceddi
e nivi a la muntagna
e restu vivu
nzemi a la me terra.

Turi Lima
*********
CCA MI VOGGHIU ASSITTARI
Cca mi vogghiu assittari,
supra sti màrmuri caudi di suli
e camuliati di lu tempu,
ca vìttiru lampi di spati
spicchiuliari làcrimi d' òmini
addivintati servi.
Nta lu silenziu di sti petri janchi
cunturnati di virdi erbi
ca nàsciunu e mòrunu
a lu vuliri di lu ventu,
pàlpita lu me cori e trema
all' ascutari
lamenti di flauti canniati e zàgari
assuppati di sangu di catini.
Cca mi vogghiu assittari,
pi sintìrimi ntornu
spìriti 'mmurtali
a cuntàrimi trèmiti di riscattu,
disideriu di vita intra vesti di ciuri
cusuti
ccu raggi di luni chini.
Vogghiu gràpiri lu libbru
ncatinazzatu sutta la muffa
di la trascuranza
pi sèntiri rintocchi di campani,
e armenti a pasculari
intra la paci di li carrubbìti,
pi jìnchiri lu me pettu
di lu spiritu to, matri Sicilia.
No, matri, su' vivi li to' figghi:
mori la carni ccu li so' passioni,
ma lu spìritu resta
e duna vita a novi spìriti,
c' hanu brama d' amuri.
E ju,
lassata la materia,
vogghiu arristari cca,
n-menzu a sti petri,
pi gràpiri li càlici a li ciuri,
pi dari forza all' ali di l' aceddi.

Turi Lima
*****
LU TEMPU N' ÀUTRA VOTA DI MURÌRI
Ruppi lu ncantu e mi jittai macari.
Mi dèttiru un muschettu di tri liri
e a me matruzza la lassai chiamari,
senza fàrimi mancu binidiri.
Cantai ccu l' armi a manu,
- l' arma di ferru e l' arma
ca non mori -
pi lu megghiu distinu sicilianu
stampatu nta lu cori.
Cantai, spirai, luttai,
ccu li cumpagni mei,
ccu la passioni stissa di l' Ebrei.
E me matruzza non mi vitti chiù,
pirchì lu chiummu nfami
di lu tirannu nfami
lu cori mi scassò.
Supra sta terra scura
ca mi cummogghia l' ossa,
supra di la me fossa,
c'è na lampa astutata e la friddura;
supra di mia lu pòpulu si scanna,
si spacca n-centu,
trìbbula, s' addanna,
pirchì non pò truvari nuddu abbentu.
Ma nuddu ccu na pala pò luvari
sta terra fitta e scura?
Nuddu pò sbasulari sta sipultura?
Niscìtimi di ccà,
vogghiu abbrazzari
n' àutru muschettu vecchiu di tri liri,
ma sulu pi campari
lu tempu n' àutra vota di murìri.

Turi Lima
*************
MACARI
Macari ca mi dati oru zicchinu
e mi faciti prìncipi ndianu,
sceiccu, gran pascià o mannarinu,
suvranu d l' imperu pirsianu,
o capu di lu regnu saracinu,
o re assolutu di lu munnu sanu,
ju vi mannassi a lu vostru distinu

pirchì vogghiu ristari sicilianu.
Turi Lima
(6.9.1983)

*****************
da "QUADERNI INDIPENDENTISTI" giugno 1982 n.1
IL DIRITTO ALL' AUTODETERMINAZIONE PER LA COLLETTIVITA' SICILIANA NASCE DA MOTIVI STORICI E POLITICI, PRIMA CHE ETNICI ED ECONOMICI.
Le vicende storiche che hanno tenuto sempre vivo nei siciliani il sentimento di riscatto che in tutte le epoche, sia pure disorganicamente, si è manifestato con episodi a volte locali e a volte totali, sono la prova di una sentita spettanza di libertà. Tale spettanza scaturente dalla costante presenza di dominazioni che si sono avvicendate nell'isola per sfruttarla e degradarla, non ha conosciuto soste e, sebbene si sia presentata a volte più distinta per la crudeltà del dominatore a volte meno per l’allentamento della morsa sanguinaria da parte del popolo occupante, ci perviene in tutta la sua chiarezza attraverso un'analisi dei fatti storici che hanno accompagnato il divenire del Popolo Siciliano. Sottolineare perciò il diritto della Sicilia alla sua libertà, significa rispettare, prima che la volontà dei viventi, quella dei nostri antenati, remoti e recenti, e quindi della stessa storia che, seppure distorta e contorta dalle dominazioni, si è sempre articolata in una costante direzione, verso l'esigenza dell'autogoverno.
Gli innumerevoli tentativi di dare un assetto politico all'Isola, divenuta di volta in volta colonia, provincia o addirittura territorio metropolitano delle stesse dominazioni, si sono sempre risolti con lo sfruttamento disumano del nostro Popolo e delle nostre risorse.
L’ultimo rapporto, quello con l'Italia, sebbene nato nel clima di una auspicata formula risorgimentale, paritaria ed egalitaria, agli effetti pratici ha confermato l’impossibilità per la Sicilia di poter trovare una propria collocazione favorevole nelle relazioni con chicchessia.
La natura propria della Sicilia non consente alcuna formula politica che non sia proprio la sua capacità di autogestirsi. Gli 83 anni di annessione all'Italia come regione di uno Stato accentratore e i susseguenti 36 anni di "regione a statuto speciale",altra formula di ripiego inventata per tentare di dimostrare la quadratura del cerchio, hanno riconfermato che qualsiasi rapporto con altri popoli coi quali vi sia comunanza, anche se relativa, di interessi, è sempre una formula innaturale che non da alla Sicilia piena libertà di respiro e garanzia di vita secondo la sua naturale aspirazione politica.
II rapporto con lo stato Italiano è destinato ormai a mettere sempre più in evidenza una condizione di sudditanza che andrà sempre più diventando pesante e deleterio. La mancata attuazione dello Statuto Speciale di Autonomia,e la violazione di leggi costituzionali dello Stato,da parte dell'Italia dimostra ampiamente che non solo la volontà politica è mancata a ché la Sicilia venisse considerata in termini paritari, ma che la Sicilia, la quale porta con sé un retaggio di dominazioni, si presta ad essere trattata da serva da parte di chiunque, per quel destino che la Storia è stata costretta a forgiare per essa fino a quando non troverà la forza di ribellarsi da ogni rapporto di comunanza politica con gli altri.
Le violazioni compiute dallo Stato Italiano sono tali e tante che non possono essere interpretate quali azioni compiute in perfetta buonafede e su un piano di normali dimenticanze burocratico-legislative.
Qui ci troviamo di fronte a un congegnato disegno colonialistico che, iniziato all’alba del rapporto, nel 1860, si perpetua fino ai nostri giorni, assumendo proporzioni spaventevoli. L'entità di tale disegno e le sue micidiali conseguenze sono tali che il problema non si può prestare ad essere risolto ne con il ripristino del patto statutario, né con nuove eventuali formule di rapporto di comunanza, almeno fino a quando la Sicilia non cancellerà dalla Storia il suo triste ruolo di terra dominata da tutti.
E questo, lo può fare solo conquistandosi la libertà e organizzandosi in Stato Sovrano retto da governi popolari che mirino alla costruzione di una società nella quale nessuno e niente restino improduttivi e che tengano conto della crescita umana in termini di qualità. La strada per risolvere il problema siciliano non è quindi quella di un dialogo con lo Stato Italiano, resosi ormai mille volte responsabile di voler mortificare a tutti i costi la dignità del popolo Siciliano, ma quella di un dialogo con tutti gli Stati liberi del mondo che tengano in considerazione la Libertà dei Popoli, il loro diritto a vivere fuori da ogni sfruttamento coloniale.
TURI LIMA


1 commento:

Pippo Barbagallo ha detto...

Mio padre,da giovanissimo incontrò Venero Maccarrone,che poi diventerà "Turi Lima",il poeta della Sicilia che non s'arrende.Assieme,papà e Venero, militavano nella Lega Giovanile Separatista,il movimento giovanile dell'eroico Mis-Movimento indipendentista siciliano-che dal 1943 al 1948 fece tremare lo Stato unitario...Erano giovanissimi,papà e Venero,erano carusi che a causi a cutta,ma avevano nel cuore l'ardente amore per la Sicilia...Poi,mio padre divenne medico,Venero s'impegno nel campo giornalistico e letterario...Mio padre è morto prima di so "frati" Venero...uno a Trecastagni,papà,Turi Lima a Mascalucia...Negli ultimi anni non si sono più visti,dal 10 dicembre 1996,stanno di nuovo insieme,e questa volta per sempre,per continuare dall'alto dei cieli la loro battaglia per la Sicilia ai Siciliani!
Pippo Barbagallo

barbagallopippo@libero.it